Benvenuti nel Belpaese di Acchiappacitrulli

Foto di Carlo Chiostri

Ormai è chiaro. Collodi aveva ragione da vendere. Ricordate la sorte che toccò al povero burattino nella città di Acchiappa-citrulli? Derubato dagli assassini denunciò il fatto al Tribunale e, dopo un equo processo, venne condannato a quattro mesi di reclusione. La morale di questa vicenda, solo apparentemente fiabesca, è stata ben recepita da chi detiene il potere e si dice perseguitato, da chi gonfio di potere piange contro chi non lo fa lavorare, da chi promette riforme che non sa e non vuole fare, da chi aggirando le leggi, una volta scoperto, accusa i suoi indagatori di aver violato la Costituzione. Ormai la lezione dovrebbe essere chiara a tutti: se vi comportate onestamente e tenete una condotta morale ineccepibile, aspettatevi prima o poi una qualche condanna. Se vi comportate in modo palesemente illegale, vedrete coloro che avete danneggiato finire in prigione. Ci sarà sempre, come afferma Collodi (noto comunista), un giudice scimmione della razza dei Gorilla: “un vecchio scimmione rispettabile per la sua grave età, per la sua barba bianca e specialmente per i suoi occhiali d’oro, senza vetri” che, mosso a compassione, pronuncerà una sentenza salomonica: Allora il giudice, accennando Pinocchio ai giandarmi, disse loro: “Quel povero diavolo è stato derubato: […] pigliatelo dunque, e mettetelo subito in prigione”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: